Presentati Piccinocchi e Leali

Presentati questa mattina in sede i calciatori Nicola Leali e Mario Piccinocchi. Presente anche il presidente Giuliano Tosti.

Giuliano Tosti: “Mario è un ragazzo di cui tenevo a poterlo presentare io. La sua caratteristica è perfetta per gli ascolani: gioca palla di prima ed è un play molto preciso. Un ragazzo che piacerà molto alla piazza ascolana. Avrà le sue opportunità di giocare. Nicola è “un po’ più famoso”, una promessa per il calcio italiano. È arrivato l’ultimo giorno ma nella nostra società gira da circa un mese. Lui è uno dei portieri più forti della Serie B, l’altro è Lanni. L’obiettivo dell’Ascoli? Dire Serie A è troppo impegnativo. Dovevamo migliorare questa squadra ed il nostro Ds è stato il migliore della Serie B quest’anno. La squadra è di buon livello, ci sono 4-5 club più forti. Non carichiamo uno zaino di pietre sopra i nostri giocatori. Giocare con il sorriso è una componente fondamentale. Rabbia per Frosinone? La notte non ho dormito mai. Ad Ascoli si percepiva una rabbia incredibile contro l’arbitro. Ormai ce lo metto in conto ogni anno. Quello che mi ha fatto male è stato il secondo gol”.

Mario Piccinocchi: “Colgo l’occasione per ringraziare tutti i compagni per come mi hanno accolto. Mi adatto a fare tutti i ruoli del centrocampo, per me non è un problema fare la mezzala anche se il mio ruolo naturale è il play. Mi ritengo fortunato di aver scelto l’estero: a vent’anni quando sulla panchina del Lugano c’è Zeman non riesci a dire di no. Ora avevo voglia di tornare in Italia ed Ascoli è stata una scelta molto stimolante. Da Troiano e Petrucci posso solo imparare ma l’abbondanza li è una circostanza che conoscevo già quindi non mi spaventa né mi ha spiazzato”.

Nicola Leali: “Sto conoscendo il gruppo. Lanni è un portiere davvero forte e la competizione può farci solo del bene per crescere entrambi. Contro l’Ascoli ho giocato e devo ammettere che la odiavo. Quando venivi a giocare al Del Duca sapevi che sarebbe stato difficile. Più forte l’Ascoli o il Perugia? Spero l’Ascoli”.

Valentini: “Importantissimo iniziare con una vittoria”

Valentini su Radio Ascoli nel post gara: “Nella ripresa abbiamo sbagliato troppo e il mister ce l’ha detto chiaramente. Però ci teniamo i tre punti, importante iniziare con una vittoria. La serie b è così, se non sei concentrato tutti possono batterti anche se il Trapani solo sulla carta poteva non avere tutta questa qualità. Il controllo della partita deve essere nostro per più tempo. La pioggia? Un romanzo per una vittoria così. Bello vincere questo tipo di partite con carattere e personalità. Da Cruz è stato fondamentale”.

Zanetti: “Vittoria di merito ma dobbiamo crescere tanto”

Zanetti su Radio Ascoli nel post gara: “Anche se sono arrivate due vittorie, e il merito ai miei giocatori va dato, c’è da dire che l’avversario ha fatto una grande partita. Detto questo noi dobbiamo crescere dal punto di vista psicologico. Dopo il vantaggio nella ripresa siamo arretrati e smesso di essere ordinati in fase di non possesso soprattutto con gli attaccanti. Il cambio di Scamacca è stato per questo, mi serviva un giocatore veloce nello spazio di campo da attaccare dato che ci siamo abbassati. Da Cruz e il rosso? Sono giovani. I ragazzi sbagliano: Chaja la settimana scorsa ha sbagliato sul cambio e oggi lui, perdonerò anche lui ma questi atteggiamenti devono smettere di esistere”

Presentati Brlek e Pucino. Tesoro: “Grandi aspettative”

Si è tenuta questa mattina, presso la sede sociale di Corso Vittorio Emanuele, la conferenza stampa di presentazione del difensore Raffele Pucino e del centrocampista Petar Brlek. A farlo è stato il Direttore Sportivo Antonio Tesoro: “Si tratta di due calciatori sui quali riponiamo tante aspettative” – ha dichiarato il DS – Le trattative per portarli all’Ascoli sono state lunghe, per Brlek è durata un mese e mezzo, per Pucino addirittura due anni. Brlek è un giocatore di grandissima qualità che in questa categoria può fare la differenza, era stato acquistato in Serie A per qualche milione di euro, ora è con noi e non va caricato di troppe aspettative. E’ una mezzala con caratteristiche differenti rispetto a quelle che avevamo. Pucino è un calciatore versatile, di grande equilibrio, è un terzino destro che ha giocato con discreti risultati anche a sinistra, è stato impiegato a volte al centro, insomma ha ricoperto tutti i ruoli di difesa, è arrivato ad Ascoli con grande entusiasmo”. Su Mister Zanatti ha detto: “E’ un allenatore col quale mi trovo a meraviglia, ho grandissima sintonia con lui”.

Queste le prime parole di Pucino e Brlek. “Da due anni si parla di un mio approdo all’Ascoli” – ha dichiarato il difensore – Qui ho trovato un entusiasmo pazzesco, cosa che avevo notato anche da avversario. Obiettivi? Dentro di noi dobbiamo fissarci un obiettivo importante, ma bisogna pensare a una partita alla volta”.

Brlek: “Mi piace giocare mezzala, a sinistra o a destra poco importa, sono a disposizione del Mister e gioco dove vorrà lui. L’Ascoli mi volva molto, avevo sentito il Direttore e sono contento d’essere arrivato, mi trovo benissimo e spero che faremo un gran campionato”.

Foto Ascoli Calcio